Follia USA in Siria. Italia stia immobile

Follia USA in Siria. Italia stia immobile

Sono bastati pochi mesi per allineare Trump ad un principio storico: in USA non comandano i Presidenti ma le lobby della guerra e del petrolio.

Questa notte la “più grande democrazia del mondo” ha deciso di violare ogni legge internazionale, scavalcare le decisioni di NATO e Nazioni Unite (ne uscissero a questo punto) e bombardare senza alcuna autorizzazione la Siria.


C8y6eR3VoAY24ts


Tutti, noi per primi, avevamo chiesto che venisse fatta luce su quanto accaduto negli ultimi giorni perché quelle morti erano intollerabili, ma gli sceriffi del mondo non avevano bisogno di alcuna certezza, loro sapevano chi doveva essere punito e l’hanno punito mentre il resto del mondo chiedeva un’inchiesta delle Nazioni Unite.

E chi se ne importa se questo gesto può portare ad una guerra mondiale, chi se ne importa se al di là dell’Oceano, proprio lì vicino alla Siria, c’è l’Europa, un continente con 800 milioni di persone alleate degli Stati Uniti d’America.

Chissà persino se Trump abbia idea di dove si trovi la Siria, a lui non importa, ora è il momento che “il mondo civilizzato si unisca agli USA”. Ed in effetti parte del mondo civilizzato ha già risposto: Israele, Gran Bretagna Turchia e Arabia Saudita – che bella civiltà.


17800457_1491101590947962_2172324619525329092_n


Iraq e Afghanistan, per citare solamente due casi simili, sono costati più di 1.500.000 morti civili, ma qualcuno oggi festeggia perché abbiamo vendicato 80 civili uccisi. Come se nuove bombe non uccidano nuovi civili.

Io non so cosa succederà nelle prossime 24h, so soltanto che se il Governo italiano dovesse minimamente pensare di collaborare a questo crimine mi troverete sotto Palazzo Chigi ad attendere il Ministro Pinotti e il Presidente Gentiloni, e spero possiate esserci tutti voi con me.

Questa gente è pericolosa.

(Manlio Di Stefano FB)

  1. L’America non si smentisce mai, disonesta, opportunista e guerrafondaia: 1950 Corea, 1961 Vietnam, 2001 Afghanistan, 2003 Iraq, 2012 Libya, 2017 Syria… Che cosa ci si può aspettare da una nazione nata da una guerra civile? Violenza!

    Mi piace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: