I finti scissionisti del PD…

I finti scissionisti del PD…

Quello che si sta consumando all’interno del Partito Democratico è una sceneggiata, creata ad arte da un manipolo di politicanti completamente distaccati dalla realtà del Paese, unicamente interessati al mantenimento del proprio “Status Quo”, alla propria sete di potere e alla propria poltrona.

Tutti ormai hanno capito che il PD non è un partito di “sinistra”, non è il partito che dovrebbe rappresentare la classe operaia, le periferie, le classi sociali più deboli ed emarginate, i milioni di giovani disoccupati pronti a lasciare l’Italia in cerca di un occupazione e un futuro stabile. Non è la risposta alle “destre” xenofobe e nazionaliste che stanno prendendo piede in tutta Europa, non lo è mai stato…

L’avvento di Matteo Renzi doveva essere una ventata di novità e freschezza, il “giovane rottamatore”  rappresentava agli occhi di Re Giorgio Napolitano e ai tecnocrati di Bruxelles un argine per fermare l’avanzata dei “populisti” del Movimento 5 Stelle, l’unica forza politica in questo momento in grado  di dare una svolta di vero cambiamento alla politica italiana.renzi-emiliano

Invece il Partito Democratico e Matteo Renzi si sono dimostrati in questi 1000 giorni di governo solamente gli esecutori delle direttive delle “elitè” finanziarie e bancarie, dei grandi interessi che controllano l’economia e i mass-media, dei tecnocrati europeisti che con le loro politiche dell’ austerity e del rigore hanno massacrato i paesi dell’area mediterranea. Le  “schiforme”, (Jobsact, BuonaScuola, RiformaCostituzionale, Legge Elettorale…ecc.) fortemente volute dal Bomba e in gran parte bocciate dai cittadini e dagli organi costituzionali, vanno tutte in questa direzione, cioè seguire gli ordini che arrivano da Bruxelles. Stop.

Ora dopo 2 anni e mezzo di sceneggiate, teatrini, di finte dimissioni e  minacce, parte dei parlamentari  che hanno capito cosa è diventato il loro partito, hanno deciso per una scissione e di uscire definitivamente dal PD. Ma anche qua si tratta di una commedia, di un trucco per ingannare l’opinione pubblica, dare un contentino al malumore della “base” e ai milioni di elettori traditi dalla politica del Bomba di Rignano. Alle prossime elezioni i vari Bersani, Speranza,Epifani, D’Alema e lo stesso Emiliano saranno pronti a formare una nuova coalizione e a presentarsi assieme a quel che resta del Partito Democratico. Prepareranno una legge elettorale ad hoc, con premio di maggioranza alla coalizione e torneranno a fare danni tutti assieme appassionatamente..felici e contenti.opera_senza_titolo-210

Scommettiamo?

Goldstein

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: