LA STAMPA E’ CONTRO IL M5S? di @Goldstein5s

LA STAMPA E’ CONTRO IL M5S? di @Goldstein5s

L’accanimento e la mistificazione con cui i Media stanno affrontando le vicende del Comune di Roma ha raggiunto il suo apice ieri con la pubblicazione della Fake-News riguardante la chat tra il Vice-Presidente della Camera Luigi Di Maio e la sindaca di Roma Virginia Raggi. I due portavoce del Movimento 5 Stelle sono ormai da alcune settimane sotto il tiro incrociato delle maggiori testate giornalistiche e di tutti i tg nazionali.

Ma è corretto parlare di Bufale? Di FakeNews? Di PostVerità? O ci troviamo di fronte ad un disegno ben orchestrato e progettato per colpire l’unica vera forza politica d’opposizione?

Quando 4 giornalisti di 3 testate giornalistiche differenti (Corriere della seraRepubblica e Messaggero) se ne escono con una notizia dimostratasi palesemente falsa e manipolata, commettono per pura coincidenza lo stesso errore oppure perseguono di comune accordo un piano per screditare e diffamare un soggetto politico avverso ai loro interessi? C’è del dolo in tutto questo?


opera_senza_titolo-37


Se non ci fosse il controllo e il filtro della RETE con cui segnalare e sbugiardare con prove certe e verificabili la FakeNews, chi mai potrebbe ristabilire la verità se gli stessi giornalisti non provvedono a scusarsi e rettificare la notizia falsa?


La libera stampa è il cardine di ogni sistema democratico, il giornalista oltre ad informare in modo libero e indipendente dovrebbe essere il “cane da guardia” in grado di controllare le maggioranze al potere e non distruggere e colpire le minoranze d’opposizione. Ma in Italia pensiamo di avere una stampa veramente libera se gli editori sono vicinissimi o addirittura rappresentano gli interessi  dei maggiori partiti politici, ricevendo in cambio finanziamenti pubblici diretti e indiretti? I vari DeBenedetti, i Caltagirone, i Berlusconi, gli Angelucci, MedioBanca, i Mainetti, la stessa Confindustria si possono permettere che il Movimento 5 Stelle riesca un giorno a governare il Paese? I direttori e i giornalisti dei vari giornali e tg sono veramente LIBERI o fanno gli interessi del loro datore di lavoro?


giornali-m5s


“Pensate alla stampa come ad una grande tastiera, dove il Governo puo’ scrivere cio’ che vuole”  (Joseph Goebbels – Ministro della propaganda del Terzo Reich).

Meditate gente..meditate…

Goldstein


unbenannt1512


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: